I progetti di aggregazione del Centro Comunitario di Imperatriz

Riportiamo la traduzione della relazione inviata dal Centro Comunitario di Imperatriz (Brasile) relativa all'inizio delle attività scolastiche e formative 2016.

I progetti di aggregazione del Centro Comunitario di Imperatriz


Il Progetto Centro Comunitario di Imperatriz, gestito dall’Associazione Adolfo Silva, è situato nel bairro Immigrantes ad Imperatriz. Il Centro ha svolto un grande lavoro sociale sin dalla sua fondazione nel 1999, ed ha sviluppato importanti progetti sociali non solo per gli studenti del Centro, ma anche per le famiglie e l’intera popolazione di questo tranquillo e umile quartire, grazie ai corsi e al negozio di cucito, cucina, e ad un grande orto comunitario.

Nel 2016, con l'inizio delle attività scolastiche il Centro ha deciso di offrire nuovi servizi alla popolazione, come l’inclusione di corsi per bambini con bisogni speciali per permettere ad altri abitanti di partecipare alle proprie attività e offrire un’alternativa ai genitori che possono così lasciare al centro i figli e andare al lavoro.
Non sempre i bambini con bisogni speciali vengono capiti e accetati nella zona, questi corsi permetteranno alla popolazione di capire meglio questo disagio e accettarlo.

imperatriz 1


Inclusão no projeto comunitário de Imperatriz

O projeto comunitário de Imperatriz, a Associação Beneficente Adolfo Silva (A.B.A.S), localizada no Bairro Imigrantes em Imperatriz, vem prestando grande trabalho social desde sua fundação em 1999, e vem desenvolvendo grandes projetos que visam não só atender aos alunos, mas também as mães e a população em geral desse pacato e humilde bairro, com cursos e work shops de corte e costura, biscuit e artesanato e uma horta comunitária Alem da realização de mutirões com corte de cabelo e consulta de vista gratuita.

Em 2016 com o inicio das aulas o projeto comunitário volta a atender a população do bairro, e com mais um diferencial com a inclusão também de crianças com necessidades especiais quebrando mais uma barreira para a população no bairro, assim os pais tendo mais uma lugar pra deixar suas crianças enquanto vão ao trabalho, já que as creches que atual na região sempre procuram não aceitar crianças com necessidades especiais.